Ordine, logica e…. scrivanie!

Osservo la mia povera povera scrivania, piena di carte, scartoffie, libri, biro e… insomma qualcuno si lamenta sempre che sono disordinata, ma io nel mio disordine IO mi trovo. Se qualcuno mi spostasse qualcosa io non ritroverei più niente, invece il mio ordine è rigorosamente logico perchè le cose, quassù (su questa catasta semi-permanente che si scioglie solo all’arrivo delle ire monsonico-periodiche di mia mamma), le cose sono esattamente disposte secondo un mio (ininterpretabile) ordine logico.

Contutto il rispetto parlando, mi sembra di essere come Dio: solo lui capisce i filamenti sotterranei e apparentemente illogici del mondo, della realtà;, di noi umani; ecco io sono come Dio e governo onnipotentemente sulla mia scrivania: solo io capisco i filamenti sotteranei e apparentemente illogici della mia scrivania, della sua disposizione, del suo alienato caos.

D’altronte mi viene in aiuto il mio caro amato Albert Einstein, che in una sua frase famosissima afferma: “Se una scrivania in disordine è segno di una mente disordinata, di cosa è segno, allora, una scrivania vuota?”.

Ecco… la mia è solo molto molto piena…

Annunci

18 pensieri su “Ordine, logica e…. scrivanie!

  1. Ciao, grazie d’essere passata da me 😀
    se, la tua scrivania è disordinata… dovresti vedere la mia … è piena di roba… fili, cavi, giornali , macchina fotografica, orologi… agendine e giochi che mio figlio lascia sempre in giro…
    anche la csa…. non riesco ad essere sempre ordinat…. non riesco proprio….
    🙂

    Mi piace

  2. Grande! Io sono uno di quelli disordinati che però conoscono l’ordine interno al disordine. Pensa: il mio vecchio amministratore delegato, aveva sempre la scrivania bella pulita, ordinata e vuota. L’hanno mandato via appena prima che la società andasse a picco. Einstein dixit.

    Mi piace

    • Grazie per l’apprezzamento… dovresti vedere in che stato CONFUSIONALE è ora la mia scrivania! Questo post mi ha dato ancor più voglia di lasciarla disordinata! IRRIMEDIABILMENTE disordinata! Mancano solo le briciole di Pollicino… eh eh eh…

      Mi piace

  3. Io ho invece la mia scrivania pienamente in ordine e solo così riesco a trovare tutto quello che mi serve! Quella del mio socio collega è invece un mare in burrasca del quale però ho rispetto e al caos non mi avvicino neppure quando mi viene chiesto un favore!! È una pura questione di equilibri!!

    Mi piace

    • Ognuno ha il suo equilibrio, e sproattutto il DIRITTO al suo equilibrio… anche se è un equilibrio caotico, che non tutti condividono.
      L’intelligenza sta nel rispettare gli altri, e quindi anche l’altrui disordine. Certo quando è troppo diventa un male ma… a volte non ci si può far niente; credo sia una tara ereditaria.

      Mi piace

  4. Pure la mia scrivania è così, ci sono cataste di fogli, anche riempiti di fiorellini, colori a pastello sparsi ovunque, penne, matite, libri, vocabolari, cellulare e chi più ne ha più ne metta…
    Ogni tanto mio fratello sbrocca e fa delle gridate, ma io, dopo esserci rimasta un pò male, continuo a lasciare tutto com’è…
    Non ti nascondo: mi piacerebbe vedere tutto ordinato, ma io proprio non ci riesco nè a metterlo quest’ordine, nè a mantenerlo, per cui….
    Povera me!!!!! 😦
    Un abbraccio e a presto…

    Mi piace

  5. Se sulla scrivania del nostro vicino regnano incontrastati ordine e pulizia mentre sulla nostra sembra essere appena esplosa una bomba, che ha lasciato sul campo fogli sparsi, pile di documenti, penne ed oggetti di ogni sorta, non preoccupiamoci, non siamo noi quelli in difetto. Alcuni ricercatori tedeschi hanno infatti dimostrato che una scrivania disordinata favorisce la produttività ed aiuta a pensare più chiaramente.

    Il caos visuale forzerebbe le persone a focalizzare l’attenzione sul lavoro che stanno svolgendo, acuendo la loro creatività, potenziando la loro efficienza e le capacità di problem solving. Questo perché di fronte alla confusione, il cervello tende a semplificare, eliminando le ridondanze e concentrandosi soltanto su ciò che conta. E quindi sul lavoro a cui ci stiamo dedicando.
    “La politica di molte aziende impone l’ordine e il rigore sulla base della convinzione che ad un ambiente disordinato corrisponda una mente disordinata e maggiori difficoltà nel prendere decisioni. In realtà quest’ultima associazione non è mai stata provata” sostiene Jia Liu, ricercatrice dell’università di Gronigen. Gli scienziati hanno testato le reazioni di alcuni individui ad ambienti caotici – tra cui la vetrina di un negozio e una postazione di lavoro – e la maggioranza di queste si è risolta in una più lucida capacità di valutare la situazione. Nel caso della vetrina, per esempio, i soggetti-campione sono stati in grado di catalogare velocemente gli articoli esposti escludendo immediatamente i meno interessanti.
    A ben guardare poi, le fotografie che ritraggono il marasma di scartoffie ed oggetti negli studi e nei laboratori di molti geni indiscussi della storia, primo fra tutti Albert Einstein, sembrano convalidare questa teoria.

    Mi piace

  6. Thanks on your marvelous posting! I certainly enjoyed reading it, you may be a great author.
    I will make sure to bookmark your blog and will come back later in life.
    I want to encourage you to continue your great posts, have a nice morning!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...