Profumi e colori della fiera…

In un paese vicino al mio d’origine, in questo periodi si svolge la fiera del santo patrono, san Faustino, e le giostre si fermano per qualche settimana, prima di andar via in un altro paese.

Sono andata domenica scorsa, sotto braccio alla persona che amo; ma le giostre mi han sempre causato reazioni di sofferenza.

Non so perchè, ma vederle girare mi dà tanta malinconia, come se una patina grigia riempisse una fotografia di un giorno di festa a cui non hai partecipato.

E’ come immaginare un clown in bianco e nero, è come un mazzo di fiori di cui non puoi vedere i colori…

Come il circo, od un mimo, forse.

Le fiere di paese mi han sempre provocato a interrogarmi sulla vita, sul suo scorrere, sulla pervfasività dell’odore di fritto che intride il bavero del cappotto solo per ricordarmi che domani non ci sarà più. Come noi, come il suono delle giostre, come il battito del cuore che si innalza per toccare il cielo come un braccio meccanico, come lampadine rotte, come le strilla di un bambino felice che non sfondano il cielo e rimbombano giù, verso la terra come pioggia, a dire che siamo così piccoli e che domani non saremo più qui.

Annunci

2 pensieri su “Profumi e colori della fiera…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...