Trovare un posto…

Ci si può innamorare di un luogo e  non poter vivere senza?

Ci si può appassionare ad un luogo in modo viscerale, tanto che quel luogo per noi significa la vita e significa la morte?

I poeti ci insegnano di sì. Ci insegnano che il cuore si può schiantare se siamo costretti ad abbandonare un luogo, che l’anima può non trovare pace se non tornando al luogo delle radici.

Uno di questi è Federico Garcia Lorca, in ‘Canzone del Cavaliere’:

CANZONE DEL CAVALIERE

Cordova.
Lontana e sola.
Puledra nera, luna grande,
e olive nella mia bisaccia.
Benché sappia le vie
non giungerò mai a Cordova.
Per la pianura, per il vento,
puledra nera, luna rossa.
La morte mi fissa
dalle torri di Cordova.
Ahi, come lungo è il cammino!
Ahi, mia brava puledra!
Ahi, che la morte mi attende
prima di giungere a Cordova!
Cordova.
Lontana e sola.

Un altro autore che ci parla della propria città è Umberto Saba, in ‘Trieste’:

Ho attraversato tutta la città.
Poi ho salita un’erta,
popolosa in principio, in là deserta,
chiusa da un muricciolo:
un cantuccio in cui solo
siedo; e mi pare che dove esso termina
termini la città.

 

Trieste ha una scontrosa
grazia. Se piace,                                              

è come un ragazzaccio aspro e vorace,
con gli occhi azzurri e mani troppo grandi
per regalare un fiore;
come un amore
con gelosia.
Da quest’erta ogni chiesa, ogni sua via
scopro, se mena all’ingombrata spiaggia,
o alla collina cui, sulla sassosa
cima, una casa, l’ultima, s’aggrappa.
Intorno
circola ad ogni cosa
un’aria strana, un’aria tormentosa,
l’aria natia.

La mia città che in ogni parte è viva,
ha il cantuccio a me fatto, alla mia vita
pensosa e schiva.”

Apparentemente dalla poesia traspare serenità, ma vi è un tormento, un miscuglio di odio e amore, quasi come vi fosse descritto a brevi cenni un rapporto contorto e a tratti lieto con una donna capricciosa.

Ci parla dei suoi luoghi anche Giuseppe Ungaretti in più di una sua poesia: da ‘San Martino del Carso’ a ‘I Fiumi’…

Ognuno ha un posto in cui perdersi e ritrovarsi, un posto di conflitti e di gioie, un posto in cui può essere se stesso.

Forse io, il mio non l’ho ancora trovato.

Come Dante, esiliato dai miei luoghi e da me stesso, so quanto sa di sale lo pane altrui e lo scendere e ‘l salir per l’altrui scale.

Eppure questa è la condizione più diffusa tra gli uomini, almeno così penso…

Un po’ come Moammed Sceàb della poesia ‘In memoria’ di Ungaretti: si fece chiamare Marcel ma non fu francese, e non sapeva recitare più la cantilena del Corano (cito a memoria, chiedo venia per eventuali errori…).

L’identità umana passa attraverso un luogo in cui riconoscersi, e ogni luogo è fatto da cultura storia e strati di secoli che si sedimentano a formare le nostre cellule, la nostra anima. Negare i propri luoghi è alienarsi, non poterli respirare è morire annegati senza aria.

Annunci

8 pensieri su “Trovare un posto…

  1. Si. Ci si può innamorare di un luogo di una città, e queste due citazioni che hai postato ne sono uno splendido esempio. Ad ogni luogo ciascuno di noi può attribuire una bellezza, un ricordo, un innamoranento… Sono quei luoghi che diventano parte di noi, che si fondono nei nostri pensieri, con le nostre emozioni. Il mio luogo del cuore è Parigi. Sembrerà scontato… Ma lì ci ho lasciato il cuore e ci ho vissuto un amore che mi ha fatto vivere dei momenti speciali.
    Vedrai che con un poco d’impegno e non pensandoci troppo, anche tu riconoscerai un tuo posto del cuore. Probabilmente c’è già, li devi solo individuare.

    Mi piace

  2. Ciao, Lupus. Ho impiegato più tempo del previsto prima di riuscire a passare da te come avevo promesso. Ma considero una felice coincidenza che sia qui proprio oggi quando tu, secondo me, con tanta nostalgia, esponendolo con la voce di grandi poeti, sottolinei che, per ciascuno di noi, c’è sicuramente un posto, un luogo, forse solo un ricordo, nel quale, immergendoci, stiamo meglio, ci rilassiamo sia fisicamente che psicologicamente.
    Credo ciò capiti a tutti, soprattutto a quelli che hanno perso le loro radici perchè allontanatisi dal luogo di nascita da bambini, ci sono ritornati raramente e, dopo la morte dei genitori e dei parenti adulti all’epoca, non hanno avuto più una spinta emotiva per tornarci.
    Per me, è stato così. Nato vicino al mare, da moltissimi anni l’ambiente in cui sto bene è l’alta montagna dove mi rilassa ascoltare “la voce” del silenzio.
    Con vivissima cordialità. Ciao. Osv

    Mi piace

    1. Grazie per essere passato, il tempo intercorso tra la mia visita e la tua non importa, è bello ritrovarti!
      Anch’io come te ho un percorso di luoghi tortuoso; nata in montagna, ho vissuto in città (la parte più dolorosa della mia vita) per trasferirmi in pianura. Pensavo la montagna fosse il mio luogo, ma poi mi sono accorta che non lo era, forse; sogno il mare la sua irrequietudine mi rende più stabile. E’ paradossale, lo so, ma quando posso andarci (specie se in inverno) non vorrei più staccarmi da quell’abbraccio salino…
      Un saluto, grazie ancora!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...