Ricominciare a leggere…

…con tranquillità dopo molto tempo in cui si era obbligati- pur di leggere qualcosa- a farlo a sprazzi,a frammenti, è una sensazione bellissima. Poter sentire le pagine dilatarsi sotto gli occhi, poter assimilare nel proprio respiro l’odore della carta e della polvere…. Comprendere tra le proprie mani tutta l’oggettualità del libro, la sua presenza corporea…
Sensazione indescrivibile.
Ho sempre pensato che un libro è la metafora più completa della vita umana. Un libro è corpo (le pagine, l’inchiostro, la rilegatura, la copertina…), è insieme anima (il suo significato, la storia che narra, il suo ‘contenuto’), ed è contemporaneamente divenire e passare del tempo (il tempo che trascorre nello svolgersi della storia, il ‘tempo del racconto’ quello che il lettore impega a leggere e che il narratore impiega per raccontare).
Proprio così, come un libro è l’uomo: corpo, anima, divenire verso il compimento; è una storia che pare esaurirsi con la morte, ma che prosegue in un altro ‘mondo’; così anche il libro muore, nel senso che la lettura di un libro a un certo punto termina, ma la sua vita continua dentro di noi, dentro il lettore che sa ascoltare e sa fare proprio ciò che il libro trasmette…
Ancora di più il Libro per eccellenza, scritto dalla volontà e dall’amore di Dio… di questo però io non so e non oso parlare…

Annunci

3 pensieri su “Ricominciare a leggere…

  1. Trovo molto azzeccata la citazione di Pavese…quando leggiamo vorremmo sempre trovare qualcosa di conosciuto, qualche valore per noi importante, e di cui magari il mondo si è dimenticato, o così pare. La bellezza nel leggere è questo, trovare le nostre verità dette da altri, in modi sempre diversi e originali. Modi che spesso ci fanno dire “Questo vorrei averlo scritto io”, proprio perchè lo sentiamo intriso di verità.

    Mi piace

  2. L’argomento libri a me interessa sempre, anche se poi, in concreto, ognuno ha i suoi gusti in merito ai contenuti e stimoli differenti nello sceglierli, come aspettative nel leggerli.
    Una cosa che accomuna è proprio quella gamma di sensazioni che hai descritto, che rendono di non facile accettazione la prospettiva di poter leggere gli e-book al posto dei tradizionali libri cartacei.
    Nonostante la ritrosia, da lettore assiduo, sopratutto da accumulatore di libri, letti e da leggere, un pò ci sto pensando, almeno per risolvere un problema logistico in casa.
    Ma ho un pò svicolato dal senso del tuo post, che intende sopratutto parlare del contenuto dei libri e di quel che ognuno ne può trarre.
    Per me sono evasione, sopratutto, ma anche curiosità e voglia di conoscere: storia e geografia in particolare.
    Ciao cara Vera, fai bene a invitare alla lettura!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...