Quanto manca…

Campanile of St. Mark's Basilica in Venice, Italy.
Campanile of St. Mark’s Basilica in Venice, Italy. (Photo credit: Wikipedia)

In questi giorni di lavoro, in cui resto lontana da casa per tantissimo tempo per rientrarvi solo nei week-end, sento la mancanza di tante cose.

Ma una presenza in particolare mi manca: quella incombente del campanile, che campeggia a 200 metri da casa ingombrando le ore con la sua ombra e con i rintocchi corposi e ripetuti ogni 30 minuti.

Quel suono incoraggiante è come le vibrazioni che si percepiscono nel ventre della madre, quando attraverso il liquido i rumori e le voci arrivano fatti d’acqua e forse non li ascolti consciamente ma ti lasciano qualcosa, una flebile traccia, quello che inizi ad essere e poi diventerai.

Quel muro tante volte guardato pur senza puntare l’attenzione, quel muro che non è campanilismo ma è terra e pietra del tuo luogo, pietra di cui sei fatto perchè è terra di cui è fatto ciò che mangi ciò che respiri ciò che senti nelle vibrazioni dell’aria degli oggetti riflettuta ad eco interminabile dalle rocce, dalle piante da ogni spigolo scomodo o dolce…

Quel bronzo lavorato quattrocent’anni or sono da qualche tuo antenato, che ha ancora sopra le sue impronte, il suo sudore, anche se non lo riconosci più…

Quel riflesso che a volte abbaglia nel sole perchè perdi la strada e non conosci la via; quel richiamo tramandato di generazione in generazione, da avi che non si ponevano tante domande nè filosofie nè amare considerazioni ma che sapevano che la loro vita orbitava lì, sotto quel campanile, sotto quella croce…

Quella croce che troppo spesso ti consenti il lusso di non voler abbracciare, eppure è lassù appesa che aspetta e che ti chiama… don don don don… con i rintocchi un po’ cupi un po’ sordi un po’ ciechi del campanile…

Quanto mi manca questo campanile, quanto mi manca questa disarmante fede… come un bambino che cerca la sua casa.

Annunci

29 pensieri su “Quanto manca…

  1. Mi piace molto il tuo raccontare delle cose che ti appartengono e che senti profondamente tue…
    Vedrai, riuscirai a ritrovare quella fede che tanto brami, ne sono certa…
    Ti abbraccio… 🙂

    Mi piace

  2. Ho provato anch’io a stare lontano molti anni ed è vero che si ha nostalgia di qualcosa.che è dentro di noi e che non necessariamente si può attribuire a qualcosa di specifico. A me mancava “l’atmosfera amica”. Forse perchè non sono mai riuscito, a differenza dei viaggiatori, a considerare casa il posto in cui ero.

    Mi piace

    1. hai ragione: c’è una atmosfera diversa, ‘amica’ nel posto che selezioni come casa… a volte è bello crogiolarsi dentro questa atmosfera, che è come il tepore delle coperte in un mattino d’inverno; a volte si preferisce stare lontano…

      Mi piace

  3. Le campane hanno un fascino particolare; la mia vita è scandita dal loro suono: la mattina (il risveglio) , il mezzogiorno (il pasto) e la sera (il riposo). Esse mi permettono almeno tre volte al giorno di elevare il pensiero al Signore e di ringraziarlo. Dopo il terremoto dell’80 per anni non ho ascoltato più il loro suono e solo da un decennio hanno ripreso a suonare. Bellissimo questo post!

    Mi piace

    1. Le campane sono un po’ la nostra identità, a volte inconscia. I terremoti riescono a portarsi via tutto, anche questi piccoli elementi di identità a cui eravamo abituati, che davamo per scontati, che magari pure ci stancavano. E quando ritornano li apprezziamo di più!

      Mi piace

  4. Hai ragione. La barca della fede vacilla sulle onde della sfiducia e la riva della certezza la si vede nella speranza di un futuro ma nel presenta non la si tocca quasi mai, ma non è sempre così per , oltre a sentirla in qualche modo, la cerca.
    Un saluto
    Andrea

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...