Diario

Dal mio diario di… 15 anni fa!

Tutti indossiamo delle maschere.

Nella mia classe, a volte, sembra che le persone si diano dei ruoli come in un teatro: c’è chi vuole fare sempre il bullo, c’è chi indossa la maschera dell’amica e poi tradisce alle spalle, c’è chi si è scelto il ruolo di disturbare sempre le lezioni, c’è chi si è ritagliato per sé il ruolo di quello che sta in disparte, c’è chi fa il giullare di corte e fa battute di continuo, c’è chi si è scelto la parte del giocherellone e passa il tempo a distrarre i compagni…

Io stessa a volte indosso una maschera, non solo a scuola. Con le mie amiche del gruppo faccio finta di essere spavalda, quando gioco con gli altri faccio la grintosa perché non voglio far vedere che sono meno brava dei miei compagni, con i miei genitori mi piace farmi credere brava impegnata e educata, con Vinca mi piace mostrarmi gentile sperando che un giorno lui si accorga di me; sembra quasi che io sia diversa con ogni persona che incontro, e così a volte mi chiedo: davvero io chi sono? Forse, davvero, io sono quella che passa i pomeriggi nella sua stanza e che ama perdersi tra i pensieri; sono quella che si ritrova a scrivere poesie o a scarabocchiare fogli con disegni inutili o a  canticchiare canzoni; o forse io sono la somma di tutte queste cose, di tutte le maschere e i comportamenti diversi che ho con le diverse persone che incontro?

Non lo so… vorrei capire se anche gli altri provano le stesse cose, e mi piacerebbe tanto sapere se anche le altre persone indossano delle maschere quando parlano con me…

 

A distanza di tutti questi anni, nulla è cambiato…

Annunci

13 pensieri su “Diario

  1. L’uomo in prima persona non è mai se stesso, dategli una maschera e vi dirà la verità (O. Wilde)
    E una conditio sine qua non del nostro vivere! Non sei tu, è il mondo, poi a volte per fortuna dimentichiamo che quella maschera non l’abbiamo e smentiamo perfino Wilde 😉
    Buona serata

    Mi piace

  2. Non mi pare tu sia stata e sia ora niente così fuori dall’ordinario, come dalle tue parole sembra che ti venga da temere!
    E’ normale che il nostro modo di rapportarci e relazionarci dipenda dalle persone con le quali, di volta in volta, ci troviamo, pure dall’interesse che noi abbiamo per queste, che non può mai essere sempre identico.
    Ma poi anche dagli ambienti, nei quali possiamo essere seri, talvolta troppo, ma anche rilassati, con voglia di lasciarci andare.
    Che noia se fossimo sempre uguali!
    Ciao cara Vera, felice giornata, spero oggi con una bella maschera!

    Mi piace

  3. Ahahahah beata te che trovi queste riflessioni profonde nei tuoi diari di tempo fa… io quando li rileggo mi sbellico dall’inizio alla fine!!
    Comunque non sono maschere, sono ruoli, ed il tuo vero IO è un puzzle di tutti i ruoli che occupi nel corso della vita; sarai mamma e dovrai mostrarti forte, sarai figlia e dovrai mostrarti ubbidiente e volenterosa, sarai amica e dovrai mostrarti disponibile e affidabile, sarai innamorata e allora boh sarà un casino… nessuno si comporta allo stesso modo in tutte le situazioni, ma questo fa parte dell’essere sè stessi!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...