Metafore

Girare intorno a quello che vorresti e non hai il coraggio di fare.
Il rischio di disturbare sta dentro l’amore, quando è troppo profondo, o quando è troppo sconvolto per sembrare tale.
Girare intorno è necessario, quando non si può fare un affondo; o forse è solo una farneticante via d’uscita che fa sgambetto alle stelle?

Intanto resto sospesa dentro questa giostra di luci e colori, con un senso di vuoto appeso come un sasso nel cuore, con un senso di buio che è come un buco nero in cui si cade, trascinati da gravità estranee, e da cui è consentito guardar fuori solo per un attimo, solo perché sia concesso di accorgersi dello squarcio di dolore, del contrasto tra il nulla che c’è dentro e la fiera di dolci e colori che c’è fuori.

Ma continuo a girare, e le metafore a volte non ci salvano, e aggravano le cose.

Annunci

8 pensieri su “Metafore

  1. questo spazio di sospensione e di attesa è lancinante, l’ho capito a mie spese, ormai sono dell’opinione che piuttosto che girare attorno, è meglio andare dritti e schiantarsi, tanto fa male uguale, ma almeno dopo, si volta pagina più facilmente, in bocca al lupo!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...