In fondo al cuore

La credenza di mia nonna era piena di scatole di biscotti, di scatole eleganti di biscotti da tè perché-diceva lei- se per caso vado all’ospedale bisogna avere qualcosa da offrire a chi mi viene a trovare.

Parole sagge, ma poi ti ritrovavi a dover rifiutare o a ingurgitare i biscotti  quando si accorgeva che erano in scadenza o -peggio- quando si accorgeva che erano scaduti. Tanto i biscotti non vanno a male, sono sempre buoni- diceva- ma poi chissà perché quelli scaduti agli ospiti non li offriva…

L’armadio di mia nonna era piena di scatole di pigiami nuovi (quelli invernali felpati, quelli leggeri estivi), di vestaglie da camera e ciabatte decisamente di gusto retrò, di magliette intime e di mutande rigorosamente bianche -come i reggiseni- perché se capita di andare in ospedale, bisogna essere pronti; e se si va dal medico, l’intimo deve essere rigorosamente nuovo e bianco.

L’armadio della mia pro-zia, che abitava lì a fianco, era pieno di caramelle; le zuccherine alla frutta che mi piacevano tanto; andavo a trovarla solo per le caramelle, lei in fondo non mi è mai stata particolarmente simpatica… Quando ha cominciato a dare i segni del tempo, i suoi figli hanno trovato caramelle scadute da 10 anni in fondo all’armadio, e mi sono chiesta che tipo di caramelle mi abbia mai rifilato, anche quando ero piccola e lei era più giovane.

La casa della zia profumava sempre di menta, perché lei aveva sempre l’idea di essere malata di asma e vaporizzava con un nebulizzatore-Termozeta-anno ’72-o-anche-prima una serie di profumi nauseanti, tutti balsamici, perché le facevano bene- almeno lei credeva.

Ogni casa, ogni persona, ha un ricordo da consegnarci. Ciascuno di noi è fatto anche di questo, anche se ormai le persone e i luoghi non ci sono più.

E voi, avete dei piccoli ricordi che restano in fondo al cuore?

6 pensieri su “In fondo al cuore

  1. Anche io ne ho tanti!
    ….conservo ancora le scatole dei biscotti!
    quanti bei ricordi, anche i profumi sento ancora alle narici quando apriva la credenza..🙂

    grazie per questo post!
    un sorriso
    .marta

  2. I ricordi sono proporzionati all’età be io ne ho accumulati e tantine voglio qccumulare. Ne god3 miq figlia nei miei racconti e li infilo anche nei miei post. Lq costante dell’ospedale però è interessante. Mia nonna si raccomandava la biancheria pulita “che e ti succede qualcosa 3 vai all’ospedale, che figura ci fai…”

    1. Mi sa che era una ‘moda’ di allora…
      I ricordi fanno più bella la vita, è bellissimo che tu li ‘passi’ a tua figlia. Io sono erede di ricordi, più che di tante cose; e ti garantisco che hanno un valore inestimabile.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...