Taci…

Romeo: Taci, taci, Mercuzio, taci! tu parli di niente.
Mercuzio: E’ vero, io parlo dei sogni, che sono figli di un cervello ozioso, generati da nient’altro che da una vana fantasia, la quale è di una sostanza sottile come l’aria, e più incostante del vento, che in questo momento carezza il gelido grembo del settentrione, e, corrucciato, se ne va via sbuffando, e volta la faccia verso il mezzogiorno stillante di rugiada.     [Shakespeare, Romeo e Giulietta, Atto I- scena quarta]

Mercuzio, anch’io come te parlo di niente. E come a chi sogna, la notte presto spegne le ali, così anch’io mi sento sul finire…

Ma taci, semplicemente taci.

[Quante volte ho citato questo passo, quante volte forse nemmeno io le saprei contare… ma non mi stanco mai, perché le parole di Mercuzio ritraggono me, e tutti i sognatori, forse anche voi, che state a guardare da dietro alle pagine del blog… ;-)]

Annunci

14 pensieri su “Taci…

    1. In certi periodi bui possono essere anche il palliativo per non occuparsi della realtà… a me di tanto in tanto succede… però con il solito equilibrio beh… mi sai che hai ragione: mantengono il cuore giovane!
      Grazie Donatella.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...