Remembering Madiba

Classe terza. Terza media.

IO: Ragazzi, avete sentito cosa è successo ieri sera? Intendo quale grande personaggio è morto?

CORO DI VOCI: Sì profe… quello di Fast and Furious.

Ma sta zitto! Ma ti sembra!

Ma sì! Quello di fast and Furious!

Per un attimo, siccome non dico né sì né no e non accenno nemmeno con il sorriso o con una smorfia di disappunto, li ho tutti lì in perfetto silenzio a pendere dalle mie labbra. Penso di poter interpretare i loro pensieri, palpabili come fili troppo banali: magari andiamo a vedere il film; figo dai, che si perde l’ora a parlare di quello; dai che forse saltiamo le interrogazioni…

Quello, volevo farvelo notare, non ho usato il nome perché per loro era l’attore, quello, ma nessuno ne sapeva il nome.

Estraggo allora dalla mia cartella stile Mary Poppins una stampa di un articolo di giornale di stamattina, su cui campeggia la fotografia di Mandela.

‘Chi mi sa dire chi è?’- chiedo; e mi sembra di essere al mercato, uno strillone che spara le offerte o che grida le nuove notizie nella piazza…

‘Morgan Freeman, profe! E’ Morgan Freeman!’.

Imbarazzo, non mi aspettavo una risposta del genere; anche perché quelli che sanno chi è il personaggio in questione, stanno zitti- non ho mai capito perché quelli bravi stanno sempre in silenzio e lasciano parlare sempre quelli che invece dovrebbero tacere! Grrrrr.

Mi riprendo. Riciclo la loro risposta con un artifizio degno d’un genio del male qual non sono.

‘Beh… in effetti si assomiglia, Morgan Freeman lo ha anche interpretato in un film’.

‘Invictus’ esce una voce sommessa dal fondo dell’aula- ecco uno di quelli bravi si sta scocciando di brancolare nel buio senza che nessuno degli altri arrivi celermente alla risposta che lui sa già, e ha deciso di uscire parzialmente allo scoperto.

‘Bene Matteo- lo stano io- e chi interpretava Freeman in Invictus?’

E così parte…

Io, lui, gli altri che sanno fanno crollare il muro dell’omertà, quelli che non sanno iniziano a ricordare di aver sentito qualcosa…

Bel momento di lezione, sì; fino a quando Lorenzo…

‘Profe, ma dov’è il Sudafrica? Potremmo andarci in gita’.

Spasmi dei più bravi, risate a dirotto di chi non lo sa ma fa finta di saperlo…

‘Beh ragiona, sud… Africa…’ – gli faccio la scansione delle componenti del nome SUD e AFRICA.

‘Ah allora è in Africa’.

Provvidenziale la Lim- che stamattina miracolo funzionava- mi lascia cercare un mappamondo, e chiedo a chi ride fingendo di saperlo, di indicarmi ‘col ditino’ dove sta secondo lui ‘sto benedetto Sudafrica…

Niente.

Ancora niente.

‘Sud Africa’…

E a queste ennesime mie parole lo centriamo.

E grazie al cielo non mi è venuta l’insana idea di spingermi oltre; avrei potuto sfruttare l’onda di attenzione ed entusiasmo parlando del clima, dei vigneti, di un sacco di cose…

Qualcosa è rimasto, almeno spero.

C’è da augurarsi che certe figure riescano a entrare nel cuore delle nuove generazioni, e riescano a trasmettere loro volontà e forza.

13 pensieri su “Remembering Madiba

  1. La responsabilità in casi come questi non è mai dei ragazzi è dei programmi che ieri sera, sino a tardi, i genitori stavano vedendo ieri sera per…istruirsi!

    Non so che età abbiano i tuoi alunni di cui parli ma se fossero, per esempio, in 3^ media, potrebbe anche esserci qualche responsabilità della scuola perchè nel corso dell’anno 2013 in Tv, soprattutto nei TG, ripetutamente si è parlato di Madiba dato più volte per moribondo dandone anche brevi accenni della sua vita.

    Possibile che nè il prof. di lettere non ne abbia approfittato per collegare il personaggio alla geografia del del Sudafrica?

    La mia è la meraviglia di un anziano che è stato nelle aule scolastiche per 36 anni 6 mesi e 25 giorni! Pronto ad indignarsi per il ruolo e la considerazione sociale che, negli ultimo 30 anni, la politica ed i cittadini-genitori hanno assegnato alla scuola ed agli insegnanti spesso dequalificandoli entrambi oltre ad umiliarli con precariato a vita e stipendi da fame!

    Un cretino della politica, diventato ministro, infatti, ha teorizzato che “””CON LA CULTURA NON SI MANGIA!”””! Il perfetto prototipo di ministro eletto, prima, e nominato poi, da altri cittadini e capipartito che avevano della cultura la stessa considerazione.

    Ciao, non invidio sicuramente il tuo ruolo in una scuola ridotta così! Osv.

    1. Sinceramente non mi sono indignata, ormai sono abituata a tutto… in terza media sì, ma ormai le mie aspettative non sui ragazzi ma sui genitori, sono bassissime; è così che sopravvivo senza ulcerarmi lo stomaco; io faccio ciò che posso quando posso, mettendo pezze al risultato che mi trovo di fronte nelle nuove generazioni, proprio perchè qualcuno ha stabilito che la cultura non ha importanza…

  2. Anche io, oggi, ho dovuto spiegare tutto questo. Chi fosse, l’importanza delle sue gesta, tutto quello che è cambiato grazie a lui .. giornata triste ma costruttiva e intensa😉
    -un saluto al vero nobel per la pace-

    1. Vero davvero, questo nobel… non come tanti dati sulla fiducia prima che i personaggi in questione alzassero un dito…

      I miei pargoli si sono stupiti quando ho detto che per un ideale Mandela ha passato quasi 30 anni in carcere…
      Chissà se esistono ancora persone come lui nel nostro mondo nato seduto nell’ovatta…

  3. purtroppo sono tristissime e frequenti verità…. la cosa che più mi lascia amarezza, non è tanto l’ignoranza, perché quella è pure giustificabile a volte…è la non curiosità che mi lascia veramente senza parole, non sanno e non vogliono sapere… Quando ho insegnato, di queste situazioni ne ho viste a palate….. per fortuna c’è gente come te che tenta almeno di stimolarli!

    1. Condivido pienamente; la non curiosità è il male più grave, perchè se uno ignorante almeno può provare a sanare le sue lacune… saper di non sapere, diceva un arcinoto filosofo greco… Ma questi non vogliono sapere di non sapere, non si rendono conto di quanto sono ‘piccoli’ e per di più sono anche molto arroganti a volte…
      Che mondo stiamo allevando?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...