Uscita

Spiegami cosa è meglio; ma tu non parli.

Certi giorni vorrei morire, come se morire fosse possibile senza il dolore; poi quando me ne accorgo capisco che forse vorrei solo eclissarmi, diventare vapore, e turbinare in aria per riappacificarmi quando passa ogni corrente contraria.

Ostinatamente, vorrei essere leggerezza e luce azzurra negli occhi come una giornata ghiacciata d’inverno, come un cielo terso che ti riempie l’anima di bene.  E invece ho un cuore che pulsa, e un sangue che si mescola a materia, e terra, e caldo e fango: io sono passione. Dannata passione.

E allora spiegami cosa è meglio- ti ripeto- mentre tutto il tuo silenzio mi  circonda, o mi distanzia. 

Tu abbassi lo sguardo; io sorprendo in me l’impulso di farti male, ma inizio ad abbaiare mille parole, che servono per nascondere il pianto.

E non c’è più un’uscita.

13 pensieri su “Uscita

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...