Uno in meno

L’uomo dà inizi fini e limiti al tempo; dice che inizia un nuovo anno, dice che ne finisce uno vecchio, si comporta come se ne fosse padrone.

Io sono più propensa a vedere il tempo come un continuum senza interruzione; il senso della ‘fine dell’anno’ non lo so trovare, il senso del compleanno nemmeno; ognuno invecchia ogni giorno, un anno inizia e finisce tutti i giorni…

L’uomo gestisce il tempo come meglio crede; trova i suoi motivi per far festa o per mettersi a pensare.

Io sono più propensa a sentirmi addosso la fatica tutti i giorni, tutte le ore, e a sentire che ogni respiro che faccio è uno in meno…

17 pensieri su “Uno in meno

  1. Una visione un po’ pessimistica, certo è così ogni giorno vissuto è uno in meno……ma è anche uno in più in cui abbiamo lasciato qualcosa di noi, facciamo che sia bella e che rimanga nel tempo🙂

  2. il tempo e una invenzione umana.. ormai abbiamo precisi orari per tutte le cose… ma c’è un’altro tempo quello che c’è dentro di noi.. questo tempo ci rende più libero.. cara Vera abbi un 2014 gestito dal tuo tempo..tvb Pif

      1. hai mai provato nelle ferie vivere una settimana senza i soliti riti quotidiani??
        alzarasi, preparare da mangiare ecc senza orologio.. vivere ogni singolo giorno nella maniera cosiente e ascoltare il proprio corpo…
        ti viene la voglia di vivere per sempre cosi…😆 noi lo facciamo sempre in estate una settimana

          1. lo so …. e brutto…. per Gianni sono i primi giorni del no tempo (cosi lo chiamiamo) un pò stressante… perchè io di certo non sono la cuoca giascuno pensa per se… quando arriva la fame😀 .. la settimana più bella per me… Gianni mi porta quasi tutti giorni fuori a mangiare😆

  3. Il mio pensiero in proposito è molto simile al tuo, festeggiamenti e ricorrenze ci sono stati inculcati molto tempo fa nelle nostre menti che nemmeno più ce lo ricordiamo. Gran parte di queste cose le facciamo perché “la società” vuole così e se ci fermiamo un attimo a chiederci il perché non ci viene in mente nulla.

    Un saluto

  4. Alquanto pessimista come visione, ma non del tutto sbagliata a ben pensarci. Però dare dei limiti o delle scadenze è anche un modo per prefiggersi una meta e cercare di raggiungerla, altrimenti si potrebbe rischiare di rimandare sempre dicendosi che tanto c’è tempo, non c’è scadenza!!!
    Ciao, Pat

    1. Giustamente… però sono più per le scadenze ‘personali’ e non per quelle ‘inculcate’ e da condividere tuo malgrado; sarò egoista ma non sempre i ritmi imposti dalla società e dalla cultura mi calzano…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...