La forma degli angeli

C’è qualcosa di profondo dentro, che non riesco a ricordare; è come avere perso il bandolo di una matassa viola perché hai cercato di nasconderla in un cavo d’albero, perché ti sembrava un posto sicuro in cui nessuno sarebbe andato a scovarlo…

L’hai nascosta lì, perché te l’aveva regalata lei…

E così ora nemmeno tu la sai più recuperare; ma sai che è lì.

Sono passati gli anni, non lo ricordi con nitidezza, ma ne hai un’immagine approssimativa in testa. Nel cuore. E sei convinto che- se con l’aiuto delle tue dita (che sono rimaste sottili sottili e che sono diventate ancora più sottili da quando hai ritrovato in te una certa forma di poesia) riuscirai a riprendere il filo- sei sicuro che l’immagine che ritroverai sarà diversa da quella che fa parte di te e dei tuoi ricordi.

gomitolo viola

Già, perché il ricordo modifica sempre gli oggetti e le immagini che abbiamo delle cose e delle persone: li dipinge di bello o di brutto a seconda delle nostre sensazioni, e fa sconfinare la verità in un limbo soffice di emozioni che vorremmo ripercorrere e che magari poi scopriamo non esistere, o non essere esistite mai…

Così può succedere che il gomitolo di lana infilato nell’albero sia viola e sappia di zucchero filato più di quanto non lo sia e non lo sappia in realtà; ma quando per l’anima è importante, è bene ritrovarlo nonostante sia difficile andarlo a recuperare là, dentro al cavo di quell’albero…

cavo albero

Sono passati gli anni; le cose sono diverse dentro e fuori di me. Ma se io potrò riprendere in mano quel filo e ritroverò quel gomitolo e quel colore e quel sapore, ne sono sicura, vincerò questa battaglia. E ritroverò anche te, mamma, che non ci sei più. Perché quel gomitolo, ricordi?, ma l’avevi regalato tu proprio prima di andar via e di assumere la forma degli angeli.

angelo

12 pensieri su “La forma degli angeli

  1. Mia madre lavorava a maglia. Ho i suoi ferri nella sacca che aveva cucito lei con la stoffa di jeans. Li ho presi dentro al cavo dell’albero senza il suo gomitolo. La lana è nuova, è la mia. Da sette anni è solo mia.
    Ti abbraccio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...