Incipit traumatico di un romanzo che non scriverò mai

La cosa che maggiormente lo preoccupava, era il fatto di non sapersi più appassionare.

C’erano stati tempi in cui un accenno a qualcosa lo avrebbe fatto volteggiare a mezzo metro dal pavimento; invece ora era calma piatta, come se un rullo compressore fosse passato a premere su di lui uno strato impermeabilmente nero di catrame; di asfalto. Così, coprendo come se niente fosse un mosaico meraviglioso e preziosissimo. Così, senza che nessuno protestasse, nemmeno lui.

Certo la bellezza si trovata ancora in fondo al suo cuore, ma non riusciva più a uscire.

Quando gli venivano in mente questi pensieri, si accorgeva anche di un’altra cosa: era troppo tempo che non si sfogava. Capitava, alcuni anni addietro, che in certi giorni piovosi o nuvolosi, tutto il suo male fluisse fuori come un liquido amaro fatto sgorgare dalle vene; e questo gli faceva bene, lo scaricava, gli toglieva di dosso tutte le tensioni accumulate e lo preparava per una nuova ripartenza.

Ma erano anni che non succedeva più.

Immensi anni.

Si chiedeva se con il rintocco dei trenta, avesse perso la sua malinconica poeticità, così come la perdono gli adolescenti quando entrano nella fase adulta: smettono di interrogarsi sul senso delle cose e prendono ad agire. Sbocciano.

Ma a trent’anni poteva essere persino ridicolo trovarsi a pensare di essere sul punto di uscire dalla fase adolescenziale; a trent’anni uno è ormai adulto.

O no?

La gente gli aveva sempre detto che era sempre stato più maturo degli altri, ma lui sapeva bene dentro di sè di essere più bambino dei suoi coetanei; il problema era che riusciva a mascherare bene questo suo essere infantile, e gli altri non se ne accorgevano. Dentro sé sapeva che forse proprio per questo, avendo ormai 32 anni, si poteva dire appena uscito dal medioevo adolescenziale.

Vi era definitivamente uscito la prima volta in cui si era accorto che da mesi non si rinchiudeva da solo in stanza a piangere.

E non aveva festeggiato, perché non sapeva se c’era da festeggiare.

17 pensieri su “Incipit traumatico di un romanzo che non scriverò mai

  1. ed emerge aggiungo a Giudo, perchè si è levigato le parti appuntite dei pensieri di un tempo…:-) buon pomeriggio art🙂

  2. Molto ben scritto. Esprimi sensazioni che forse sono le tue, o di qualcuno che conosci bene. Bene, voglio farti una rivelazione, resti tra noi: per buona parte sono anche le mie… E le sai rendere in un modo che arriva anche ad altri, complimenti davvero

    1. troppo gentile; il problema, come dichiarato nel titolo ,sarebbe riuscire una buona volta a farne un romanzo, o anche solo un racconto, con queste sensazioni…
      Ma non si vogliono lasciar continuare!

        1. 🙂 Beh… a volte si pianta il lavoro a metà anche perchè nessuno ci dà un’opinione su quanto scritto; a volte perchè da soli non si ha il pungolo di portare avanti (si è presi da mille cose)…
          Però quest’estate, quando avrò più tempo, vorrei davvero riuscire.

          1. Conosco molto bene la problematica, cara “collega” blogger. Avere un feedback affidabile è molto importante: posso solo dirti che possiamo fare rete tra noi, io sono a disposizione, se e quando vuoi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...