Nonsense (giovinezza antica)

Involucri senza voli generano incertezze. Avvitavo i sogni ai tralci di vite, quando l’estate sorgeva come sole a mezzanotte.

Involucri senza volontà; ricchezze inutili da portarsi addosso come talenti troppo ingombranti che vuoi nascondere.

Avvitavo tralci sugli steli dei miei sogni; così l’edera soffocò il muro dal quale uscire verso l’orizzonte…

E una mezzanotte artica proponeva sogni ambigui d’una fantascienza ubriaca. Io, ebbra, m’innamoravo di tutto e di niente.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...